Miglior Hoverboard 2017 (Guida)

migliore-hoverboard

Pensi che camminare sia per fessi?

Ebbene sì, diciamoci la verità, il sogno di un vero pigro che si rispetti è poter stare steso sul divano del soggiorno a meditare sul destino dell’umanità o a leggere poesie.

Però a volte tocca doversi alzare.

E a volte tocca anche doversi spostare da un punto a un altro, magari fuori dalla propria casa, magari a kilometri di distanza. O mio Dio.

Cosa fare in questi casi?

Noi di Casa del Pigro abbiamo finalmente la soluzione.

Da piccoli siamo tutti rimasti impressionati dalla visione del film Ritorno al Futuro, in cui il protagonista Marty McFly scorazzava su un futuristico hoverboard rosa per sfuggire in grande stile a una gang di cattivi. Di sicuro una delle scene più memorabili del cinema anni 80. Forse la migliore per stuzzicare la fantasia degli adolescenti.

Non è ancora tempo per gli hoverboard che volano sull’acqua, però con un po’ di immaginazione l’esperienza sarà molto simile.

Perché usare un Hoverboard?

La stanchezza. Un uomo stanco è un uomo che pensa male. Giungere già stanchi in un luogo in cui magari si dovranno prendere decisioni importanti oppure dove occorrerà un impiego sostanziale delle proprie energie mentali, pregiudica moltissimo il proprio rendimento.

L’hoverboard ti permetterà di spostarti in tranquillità, senza sudare, godendoti il paesaggio e potendo contemplare il mondo con una serenità d’animo post-tecnologica prima sconosciuta.

miglior hoverboard 2017 1 - Miglior Hoverboard 2017 (Guida)

Credi che l’hoverboard sia pericoloso?

Bisogna far attenzione quando si compra un hoverboard, perché in giro ci sono marche cinesi che hanno dimostrato di essere molto pericolose.
Soprattutto negli scorsi anni che c’è stato un boom degli hoverboard, all’inizio proposti sul mercato a prezzi decisamente troppo alti, il che ha permesso la proliferazione di tavole economiche cinesi di pessima fattura, che prendevano fuoco inspiegabilmente o che destinavano il malcapitato possessore a degli infortuni sgradevoli e in alcuni casi addirittura mortali!

La maggior parte dei problemi era rinconducibile al surriscaldamento delle batterie.

Per non incappare in spiacevoli sorprese, soprattutto se l’apparecchio verrà usato da persone giovani, quando si acquista un hoverboard si deve controllare che questo sia dotato di tutte le certificazioni di sicurezza. La più importante delle quali è la UL 2272, che vi assicura il perfetto funzionamento della macchina vita natural durante.

Però prima di scegliere il miglior hoverboard, quello almeno più adatto alle nostre esigenze, c’è bisogno di verificare alcuni parametri, ad esempio il peso massimo della capacità di portata del mezzo.

Ma andiamo a vederle assieme nella nostra guida

Guida del pigrone al miglior hoverboard 2017, recensioni:

Hoverboard Nilox Doc Certificazione UL 2272, la scelta del pigrone

Offerta
Nilox Hoverboard Doc Plus con Bluetooth e Certificazione UL 2272, Nero
  • Velocità Massima 10 km/h, angolo massimo di salita 15° circa

Ottima manegevolezza e grande guida.

Prodotto in materiale resistente e di ottima fattura, capace di raggiungere grandi velocità, utilizzando tutte le più moderne feature elettroniche sul mercato.

Ha delle ruote molto grandi di 16 cm, può sostenere un peso massimo di ben 100 kg. Molto performante ed estremamente facile da guidare.

E’ dotato di due potenti LED blu direttamente connessi a un rilevatore di pressione posizionato esattamente sotto il punto di appoggio dei vostri piedi.

Equipaggiato con due motori molto potenti di 350W. Angolazione di pendenza di ben 15 gradi. E velocità massima di 10 km h.

Batteria incredibile, oltre 30 km di autonomia. E per la ricarica occorrono solo due ore nella presa di corrente per tornare in pista.

Corredato di una borda molto cool e high tech per il trasporto. Purtroppo non molto grande e con una tracolla non delle migliori.

  • PRO
    ottimo rapporto qualità prezzo
    grande autonomia
    grande velocità
    LED
  • CONTRO
    accessori che lasciano a desiderare

Ninebot Mini Pro Robot, miglior hoverboard per adulti

Per chi ha un budget a disposizione, questa è senz’altro la scelta migliore.

L’hoverboard per chi vuole fare sul serio.

Molto comodo per i viaggi di durata più lunga, un supporto centrale su cui appoggiare le gambe e tenere l’equilibrio anche nelle condizioni di strada più sdrucciolevole e impervia.

Dotato di tecnologie avanzatissime che permettono al mezzo di adattarsi alla forma del terreno rispondendo in maniera dinamica e garantendo un bilanciamento e una prestazione senza pari.

E’ il miglior hoverboard in commercio, però non è certo consigliato per chi ne fa un uso saltuario.

La scelta per chi intende sfruttare la comodità del veicolo quotidianamente.

Dotato di sistema bluetooth, esoscheletro leggerissimo, ruote di 25 cm con portata massima di 100 kg. Ammortizzatori top gamma. 2100 Watt di potenza. 20 km/h di velocità. Batteria con autonomia di 40 km e ricarica breve di 3 ore.

Anche questo modello è dotato di LED per essere riconosciuti al buio.

  • PRO
    Top class
    Velocissimo
    Lunga autonomia
    Adatto a tutti i terreni
    Interfaccia Bluetooth
  • CONTRO:
    Prezzo

Freeman F10 Hoverboard di 250 W, omologato per la strada

Freeman F10 Hoverboard di 250 W con Batteria Samsung e certificazione UL2272,...
  • Viaggia con Freeman sul tuo hoverboard che vanta una velocità massima di 18 km/h e 20 km di distanza

Se cerchi un vero veicolo omologato e certificato per la guida in strada. Ecco la scelta che fa per te. Un potentissimo hoverboard dalle ruote di 17 cm, per poter scorazzare in libertà e sicurezza in tutte le strade che desidererai.

Batteria a ricarica veloce, di nuovo portata massima di 100 kg.

Purtroppo la custodia per portarlo in giro in questo caso non è fornita in dotazione e bisognerà comprarne una adatta.

  • PRO:
    Omologazione per strada
    Larga Autonomia
    Adatto a tutte le circostanze
  • CONTRO:
    Il Manuale manca della lingua italiana
    Un po’ troppo pesante
    Non ha una custodia in dotazione

Hooboard, miglior hoverboard offroad

Hooboard - Prima Ogni Tipo di Terreno di Smart Auto Balance Monopattino,...
  • EVITARE I PRODOTTI CONTRAFFATTO! LA HOOBOARD GENUINA È POSSIBILE ACQUISTARE SOLO DA BENEOSHOP. BENEOSHOP È IL PRODUTTORE E IL PROPRIETARIO DEL MARCHIO HOOBOARD. OFFERTE DA ALTRI VENDITORI SONO...

Ecco la vera bestia, un vero e proprio fuoristrada, il più sicuro hoverboard europeo, impermeabile e antipolvere, per andare in sicurezza su qualunque tipo di superfice e di pendenza offroad. Supporta un peso fino a 120 Kg.

Equipaggiato con pneumatici a quattro ruote in gomma massiccia indistruttibile da 8,5 pollici, può superare qualunque ostacolo, è estremamente resistente e impermeabile, pensato per chi vuole fare sul serio e non fermarsi ai marciapiedi urbani.

Motore elettrico da 400W.

Dotato di connessione bluetooth ed app mobile dedicata.

Per chi ama il fuoristrada offroad.

  • Pro:
    Sicuro fuoristrada
    Resistentissimo
    Indistruttibile
  • Contro:
    Il prezzo è un po’ più impegnativo

Le principali caratteristiche a cui prestare attenzione prima dell’acquisto di un hoverboard sono:

  • Velocità massima
  • Durata della batteria
  • Facilità d’uso e di guida
  • Grandezza delle ruote
  • Peso massimo sostenuto
  • Peso dell’hoverboard stesso
  • Caratteristiche speciali elencate dal produttore
  • Range di prezzo
  • Recensioni degli altri utenti

Velocità massima

Gli hoverboard possono farti muovere agilmente, ma la velocità massima è limitata, dipendendo dall’hoverboard che scegli.
La media di velocità massima è tra i 15 e i 20 kilometri orari.

Per comparazione, un uomo si muove a una velocità media di 3-4 km/h. Un uomo pigro si può muovere anche a 1 km/h.
Un uomo molto pigro resta semplicemente sul letto a leggere nonostante gli impegni che la giornata si ostina a parargli davanti.

Durata della batteria

La maggior parte delle batterie prevedono un uso tra l’una e le due ore di passeggiata. Sebbene questo possa variare in base al peso del passeggero e alla velocità di crociera.

Il tempo di ricarica della batteria può anche variare, ma a meno che tu non preveda un intensissimo utilizzo dell’hoverboard, questo non deve essere un fattore di cui preoccuparti. La media della carica è di circa 3 ore. Nonostante ci siano alcune batterie dalla resa migliore che si caricano in un’ora o meno.

Facilità d’uso e di guida

Gli hoverboard sono relativamente facili da utilizzare e guidare. Semplicemente basta inclinarsi leggermente in avanti per muoversi e leggermente indietro per rallentare o cambiare senso di marcia.

All’inizio però potrebbe esserci bisogno di spratichirsi un po’, infatti è come imparare ad andare in bici, un’operazione facile ma che va appresa una volta nella vita.

Alcuni hoverboard sono poi dotati di sensori di movimento.

Un sensore di qualità ti offrirà un bilanciamento migliore, più accurato e dinamico nella guida.

Misura delle ruote

La misura delle ruote è fondamentale per la facilità d’uso del mezzo. Con ruote larghe si tende ad avere una manovrabilità più facile. Inoltre queste possono sopportare maggiore peso e attraversare terreni più avversi.

Però anche i mezzi con ruote più piccole hanno i loro vantaggi. Le ruote piccole sono di solito montate sugli hoverboard pensati per i bambini. La base più piccola permette una maggiore semplicità d’uso da parte dei più piccoli.

Il peso massimo sostenuto

Il peso massimo sostenuto spesso si aggira intorno ai 200 kili. Questo è ovviamente sufficiente per la maggior parte degli adulti, ma ci sono modelli con capacità inferiori, e bisogna fare moltissima attenzione quando si acquista.

Gli hoverboard con capacità di portata inferiore sono di solito quelli indicati per i bambini.

Peso dell’hoverboard

Dato che l’uso dell’hoverboard potrebbe essere interdetto in alcune aree urbane è importante considerare anche il peso stesso della tavola, nel caso bisognasse portarla a mano.

Caratteristiche speciali

Alcuni hoverboard hanno delle particolari caratteristiche come ad esempio le luci LED o i riflettori per poter viaggiare sicuri in aree con scarsa luce.

Queste luci non sono pensate per illuminare la tua guida, ma per renderti riconoscibile in strada. Come con una bici, quando giri in strada di sera vuoi essere ben visibile dai pedoni e dalle auto.

Ci sono inoltre degli hoverboard che includono un “learning mode”, ovvero una modalità di apprendimento in cui la macchina non supererà una velocità limite per permetterti di imparare a manovrare il mezzo prima di recarti in strada.

Altri prevedono una connettività Bluetooth per interfacciarsi con applicazioni mobili di controllo remoto.

Recensioni degli utenti

Quando dovete comprare, la migliore risorsa di informazioni fondamentale è sempre l’esperienza di altri consumatori.
E cosa c’è di meglio di leggere e verificare le recensioni degli utenti su Amazon, per poter capire se è l’hoverboard che fa per noi o meno.

Non dimentichiamo però che anche i migliori prodotti possono avere qualche recensione negativa. Bisogna affrontare la lettura sempre con spirito critico.

Range di prezzo

Il prezzo dell’hoverboard è un fattore critico fondamentale. Il prezzo medio si aggira tra i 200 e i 500 euro.

Hovernoard Safety Infographic 2 min 1 - Miglior Hoverboard 2017 (Guida)

Come si guida un hoverboard

Aspetta, adesso hai fatto la tua scelta, hai acquistato l’hoverboard dei tuoi sogni, quello più figo. Ma sai già andarci su? Fortunatamente per te non è così difficile, si impara subito. All’inizio sarai un po’ incerto e impacciato, come capita a tutti. Ma con un po’ di pratica e con questa guida, imparerai a sfrecciare sicuro e veloce come un professionista in meno di 15 minuti.

  • Step 1: Salire sull’hoverboard

Come prima cosa, assicurati che il tuo mezzo sia carico. Non puoi imparare a portare un hoverboard morto. Quindi accendilo e mettilo per terra, con il LED verso l’esterno. (in realtà non c’è nessun davanti o dietro, semplicemente pensiamo che è molto strano usarlo nella maniera opposta, quindi ascoltaci e usalo così).

Se il tuo modello è dotato di una modalità “Entry” o “Beginner”, be’ questo è il momento di azionarla, perché renderà l’apprendimento molto più semplice.

Comincia mettendo un piede sull’hoverboard (preferibilmente quello dominante). Usando questo piede, sistema la tavola a un livello buono per salirci su. Quando sei pronto, alza anche l’altro piede dal terreno e sistemati sull’hoverboard. Non pensarci troppo, salici su naturalmente come se stessi salendo le scale.

Ci sono degli hoverboard disegnati per sistemare in tempo reale il tuo bilanciamento una volta che sei su, nel caso tu stia usando una versione sprovvista di tale feature, puoi sempre aiutarti appoggiandoti vicino ad un muro.

Ricordati di tenere i piedi ben distanti tra di loro, quanto più lontani possibili sulla tavola, per avere più equilibrio e più stabilità.

  • Step 2: Avanti e Indietro

Una volta acquisita una posizione bilanciata, puoi cominciare a muoverti. Guidare l’hoverboard è davvero semplice, però c’è una curva d’apprendimento da dover superare. Il concetto è molto semplice: ti muovi avanti e dietro spostando il baricentro del tuo corpo, inclinandolo a seconda della direzione scelta.

I primi minuti ti sembrerà di cadere, ma è normale. Capita a tutti. Imparare a guidare un hoverboard richiede un po’ di pazienza. Diverrai molto più stabile una volta spratichito.

  • Step 3: Girare

Ciascun lato dell’hoverboard è indipendente. Immagina di stare sulla tavola. Per girare a sinistra, spingi il tuo piede destro in avanti, come a voler suggerire un movimento antiorario. Fai l’opposto nel caso volessi girare a destra.

Raccomandiamo di cominciare lentamente, con piccoli giri di prova, prima di avventurarti in vorticose acrobazie. Una volta che hai imparato a guidare bene, vedrai che girare è probabilmente la parte più divertente dell’uso dell’hoverboard. Potrai usare le tue skills per fare dei veloci spin sul posto, ci sono persone che addirittura usano l’hoverboard per una disciplina di danza chiamata “hoverdancing“.

Congratulazioni! Adesso sai come guidare un hoverboard!

Sì ma i veri Hoverboard tipo Ritorno al Futuro, quando li vedremo?

Ci avevano illuso mostrandoci i veri hoverboard, quelli per scorazzare sospesi nel vuoto, ad un palmo da terra, velocissimi. Dove sono i VERI Hoverboard?

Ritorno al futuro ci prometteva già per il 2015 questa tecnologia alla portata di tutti, nel film infatti il protagonista prende in prestito un hoverboard rosa direttamente dalle giovani mani di una bambina.

Ci sono molte ragioni però che ci spingono a credere che prima di poter salire su di un mezzo del genere occorreranno ancora molti anni. I design sperimentali che sono stati proposti finora sono in realtà esempi molto più rudimentali di quelli utilizzati da Mary McFly nel film.

Un produttore di hoverboard ha affermato che in realtà probabilmente il film finora ci ha solo tratto in inganno, facendo muovere la tecnologia che potrebbe un giorno portare alla creazione dei veri hoverboard nella direzione sbagliata.

L’hoverboard del film è infatti un mezzo velocissimo e accattivante, le marche Lexus e Hendo hanno cercato di riprodurre una copia più o meno esatta di quella utilizzata nella pellicola, ma in quanto a facilità di uso, questa lascia moltissimo a desiderare al momento.

Jill Henderson, co-fondatore della compagnia Arx Pax, che possiede la Hendo, dice che “l’Hoverboard Hendo è la prova di un concept di design creato per catturare l’immaginazione del consumatore”

Ha aggiunto inoltre che le tavole della compagnia sono un work in progess, e che una versione beta del prodotto, l’Hendo 2.0 adotterà un design più simile a quello di un comune skateboard per garantire una migliore usabilità.

Cosa dicono degli hoverboard volanti

Lo skateboarder Tony Hawk ha provato direttamente con le sue gambe l’hoverboard prodotto dalla Hendo ma questo si è rivelato difficilissimo da bilanciare e manovrare, anche per un esperto campione del suo calibro.

“Ero arrivato lì con tutte le più incredibili idee di cosa poter fare sull’hoverboard una volta averci messo su i piedi, ma dopo i primi secondi mi sono reso conto che tutti quei sogni erano stati fin troppo ambiziosi e irreali”, scrisse Tony Hawk.

“Marty McFly ci rimarrebbe molto male ,” scrisse invece Sam Sheffer, redattore del The Verge, dopo un altro ride test.

L’omni Hoverboard che non rassomiglia a quello usato nel film, sembra quello invece che più si avvicina per il momento alle nostre aspettative di hoverboard futuribile.

Schermata 2017 10 11 alle 06.07.56 - Miglior Hoverboard 2017 (Guida)

La Omni ha capito che come propellente le batterie non avrebbero portato molto lontanno, dato che creano un grosso problema di peso. E hanno deciso allora di affidarsi al propellente più comune e affidabile: il carburante.

“Ci eravamo stancati di dover fare di volta in volta passi così piccoli verso l’hoverboard perfetto, abbiamo allora deciso di abbandonare del tutto le batterie”.

Stanno lavorando al momento su un modello di hoverboard a carburante che sarà in grado di funzionare in modo stabile e sicuro per ben 25 minuti.

Alla ricerca dell’hoverboard perfetto

Gli altri si sono invece affidati all’avveniristica tecnologia elettromagnetica. L’Hendo, che garantisce al momento autonomia di ben 15 minuti, può fluttuare esclusivamente su superfici di metallo che non contengono ferro, mentre precipita miseramente al suolo su qualunque altro genere di materiale.

Il modello Lexus usa superconduttori raffreddati da nitrogeno liquido, ma allo stesso tempo è inefficace se la superfice sotto non è ricoperta di magneti.

Serviranno ancora molti anni quindi, e speriamo molti avanzamenti nel campo delle energie propellenti prima di poter avere un hoverboard perfettamente utilizzabile come quello del nostro amico McFly.

Per il momento accontentiamoci di questi modelli molto più umani, però non per questo meno affascinanti e utili.

La storia del monopattino, il padre dell’hoverboard

L’antenato dell’hoverboard, il monopattino, nasce negli Stati Uniti intorno ai primi anni del ‘900, in una vortiginosa atmosfera di idee nuove e avanguardie, l’inizio dell’affascinante secolo breve. Un’epoca d’oro per i pigri e gli oziosi di tutte le specie. Si chiamava “scooter” ed era riservato ai più piccoli. Nato da un’idea tanto semplice quanto innovativa.

Fratello minore della bici, che in quel momento viveva la sua massima espressione grazie a intellettuali che ne decantavano le gesta e la utilizzavano quotidianamente sfoggiandone modelli anche molto eccentrici.

Il prototipo iniziale era una semplice tavola con due ruote e un manubrio e, naturalmente, la spinta umana, su cui basava la locomozione.
L’ultimo capitolo della storia del monopattino si svolge nella capitale britannica in cui l’azienda pubblica dei trasporti sta raccogliendo dati per poter inserire l’uso del monopattino nei loro servizi.

Il monopattino moderno

L’idea di “Micro” è di un imprenditore svizzero, Win Ouboter, che per poter raggiungere il suo cafè di fiducia, quello munito dei migliori cappuccini della zona, decise di prendere spunto dal monopattino classico per realizzare un mezzo che gli avrebbe permesso di raggiungere il locale senza spese di carburante. Nacque così la versione moderna dello “scooter” americano. Da quel momento diede vita a una vera e propra rivoluzione del concetto di mobilità urbana. Non c’era più bisogno di affidarsi alle auto o alle bici.

E il Micro divenne il nuovo trend mondiale.

La Swatch decise di sistemare un “micro” in ogni auto della propria linea, e ne ordinò 80 mila pezzi al giorno per poter dotare le proprie vetture. Il 2000 vide l’esplosione finale di questo piccolo mezzo di trasporto, e vennero fuori altre marchi produttori come la Silverfly, che pensò bene di dotare della versione elettrica del micro i cronisti della Mostra del Cinema di Venezia. Nacque inoltre la disciplina sportiva dello scootering.

Chiaramente in un mercato del genere non potevano non dire la propria i produttori cinesi, che cominciarono a produrre articoli molto scadenti e ad infestare i negozi di prodotti contraffatti a prezzi bassissimi. Il fatturato del 2002 vide infatti un incredibile crollo.

Continua però ad essere un oggetto dotato di un grande fascino, che porta in sé il ricordo degli anni della belle epoque di inizio secolo, in cui la forza della spinta umana era l’unica cosa necessaria per poter godersi un giro della Parigi bohemien.

Ecco il nuovo modello.

In conclusione

Non potete considerare l’hoverboard come un qualsiasi mezzo di trasporto, è logico. Non sostituirà la vostra macchina, però è un’ottima alternativa lenta e quindi comoda e meditativa.

Permette di andare in giro lentamente, senza fretta, godendo del paesaggio e sentendo il calore del sole e il fruscio del vento sulla pelle.

Attenzione al codice della strada: è vero che in Italia e nell’Unione Europea l’utilizzo dell’hoverboard è vietato dal Codice della Strada, ma soltanto per quanto riguarda le carreggiate o le strade su cui circolano i veicoli a motore. In pratica non potete considerare l’hoverboard come se fosse un motorino o un auto.

Si può usare invece tranquillamente negli spazi privati, come aree parcheggio, parchi residenziali, piazze o cortili ed è tollerato l’utilizzo sulle banchine, un po come accade per i pattini e gli skateboard. Naturalmente, nonostante la pigrizia, vige sempre la regola del buon senso e della prudenza, per non rischiare di prendere multe o investire qualche pedone.

Speriamo di cuore che questa guida ti sia stata d’aiuto, e ti auguriamo un buon hoverboarding!

Summary
Review Date
Reviewed Item
Hoverboard Nilox Doc
Author Rating
51star - Miglior Hoverboard 2017 (Guida)1star - Miglior Hoverboard 2017 (Guida)1star - Miglior Hoverboard 2017 (Guida)1star - Miglior Hoverboard 2017 (Guida)1star - Miglior Hoverboard 2017 (Guida)

One Comment

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tappi-per-orecchie-antirumore

Tappi per orecchie antirumore (Guida)

miglior cuscino cervicale 2 - Miglior cuscino cervicale 2017 (Guida)

Miglior cuscino cervicale 2017 (Guida)